Avvisi Parrocchiali mese di Luglio 2010


AVVISI PARROCCHIALI LUGLIO 2010


Il Priore ricorda con umiltà e gratitudine il 73° anniversario della sua ordinazione sacerdotale.


Il 18 Luglio 1937 l’Arcivescovo Cardinale Elia Dalla Costa, nel Bel San Giovanni dov’ero stato battezzato, poneva le mani sul suo capo per l’ordinazione sacerdotale.
Ricorda quel giorno con umiltà e gratitudine perchè mentre lui lo celebra sulla terra gli altri 26 compagni lo celebrano nel cielo.


Subito il giorno dopo, il 19 Luglio, è un’altro anniversario.
Il 19 Luglio 1980 l’Arcivescovo Cardinale Giovanni Benelli mi portava in San Lorenzo per immettermi in possesso di questa Parrocchia con la consegna simbolica delle chiavi.
Una donna disse: “Ma se è già vecchio, ci starà poco!.”
Ora il 19 Luglio 2010 sono trenta anni.


Ringrazio Dio e tutti quelli che mi hanno aiutato, ma chiedo perdono per le mie insufficienze, per le mie omissioni, per il mio carattere non ridanciano.
Ho avuto un padre molto severo e una voce nel mio interiore che davanti ad ogni cosa allegra, bella, da godersi, mi diceva e mi dice: “Poi intanto si muore…!” Quindi ho sentito sempre la caducità di tutte le cose.


La Casa Famiglia stà per essere sistemata in tutta la sua parte strutturale. Dovrà essere ammobiliata e poi entrare in funzione. Il Popolo di San Lorenzo si spera la faccia sua e sia questa un motivo di fermento per tutta la Parrocchia.


Il 10 Agosto è la Festa di San Lorenzo.


Santa Giuliana, la sponsor della Chiesa, aveva fatto un voto: se le fosse nato un figlio maschio lo avrebbe chiamato Lorenzo e si sarebbe occupata per costruire una Chiesa in onore del martire. Così fu e nel 393 Sant’Ambrogio di Milano venne a consacrare la Chiesa.


Sarei curioso di sapere con quale liturgia, con quali canti, si è celebrata la Festa di San Lorenzo durante i Secoli bui della nostra Storia. Bisogna arrivare al Medioevo per sapere che la Festa non era solo in Chiesa ma che c’erano anche corse di berberi da Porta San Gallo a Porta del Vescovo.


Si sà che al tempo dei Medici era diventata sfarzosa. La Chiesa diventava una sala per mostrare gli arazzi, gli oggetti preziosi di casa Medici, con fiorite, sanlorenzini sulla facciata, giochi etc etc.


Chissà se San Lorenzo sarebbe stato contento. Chissà se anche oggi sarà contento. Secondo alcuni non è festa se non ci sono lasagne e cocomeri. Qualche anno fà i nostri non si trovarono d’accordo e non ci fu questa distribuzione. La gente diceva: “Quest’anno, per San Lorenzo, non c’è stata la Festa”. Eppure in Basilica avevamo svolto tutto il programma.


San Lorenzo viene a noi con la sua fede intrepida, con la sua carità operosa per cambiarci in meglio.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: