Verso il Natale …..


Verso il Natale


Sono stato in Palestina.
Ho parlato con gli arabi.
Si è parlato del Natale.


Loro vedono nelle rappresentazioni che noi facciamo delle cose non vere.


Per es. noi rappresentiamo Maria e Giuseppe, stanchi per il loro cammino che bussano a quella porta e non gli aprono, che bussano a quell’altra e dicono di non avere posto e allora furono costretti ad andare in una aperta campagna in una grotta e lì nacque Gesù “al freddo e al gelo”. Queste cose noi occidentali le abbiamo messe anche in poesia.


Gli arabi dicono che non è vero. Il tutto va contro alla tradizionale accoglienza araba. Gli arabi aprono la casa se uno bussa alla porta. Abituati a lunghi cammini, anche in luoghi deserti, quando uno bussa alle porte viene senz’altro accolto e rifocillato.


In Palestina ho visto anche come era una casa antica della povera gente ai tempi di Gesù. Maria e Giuseppe furono senz’altro accolti in una casa di Betlem o dei dintorni.


La casa è mezza allo scoperto e mezza scavata nel tufo. C’è la porta.


Si entra in un corridoio.


In alto mezzo metro su per giù, c’è una stanza alquanto grande. Vi ci portano degli scalini.


Sotto questo piano c’è il luogo dove stanno le bestie minute: galline, pecore, capretti ecc. Il piano di sopra è la cosiddetta casa dove vi abita poco la famiglia perchè le ore della giornata sono passate soprattutto all’aperto. C’è un punto di cottura, un tavolo, e le materasse, le coperte che alla sera per dormire vengono distese sul pavimento, questa è la casa per la famiglia.


In fondo al corridoio c’è come una grotta alquanto spaziosa scavata nel tufo. Questo è il luogo delle bestie grosse. Ci vanno a passare la notte i ciuchi, i muli, i cavalli, i cammelli ecc. Maria fu accolta – dicono gli arabi – in una casa così. Avvicinandosi l’ora del parto non poteva partorire nella stanza dove abitava tutta la famiglia bambini compresi. Si ritirò allora nella grotta scavata nel tufo dove riposavano gli animali. Lì nacque Gesù e la madre lo mise sulla mangiatoia tra la paglia e il fieno.



Loro, gli arabi, dicono che la grotta in mezzo alla campagna, con le pecorine sparse, ecc. ecc. è tutta poesia occidentale. Pensate ai presepi Napoletani dove ci sono uomini e donne di tutti i mestieri. Non è veristico. Però vuol dire che il Verbo si è incarnato ed è in mezzo a noi nella vita e nel lavoro.

Clicca qui per vedere le altre foto della casa araba—>>>

Advertisements

Una Risposta to “Verso il Natale …..”

  1. Luca Says:

    Bellissime le foto. Ci sono stato anch’io e gli arabi non capiscono perchè ci inventiamo tutto.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: