Storia della Basilica di San Lorenzo parte 32° – Altri importanti canonici laurenziani


STORIA DELLA BASILICA – PARTE 32°

Ci racconti ancora………


Altri importanti canonici laurenziani


Il Canonico Pier Nolasco Cianfogni nacque in Firenze il 1 febbraio 1710. Fin dai primi anni dimostrò un perspicace intelletto e una prodigiosa memoria. Passò la sua giovinezza nell’apprendere i primi rudimenti delle lettere umane e della lingua latina presso la scuola che il Capitolo di San Lorenzo teneva per i suoi Chierici.


Cresciuto in età sotto la direzione dei Padri delle Scuole Pie apprese la filosofia e la teologia, non lasciava passare momento senza coltivare la storia Sacra e gran meraviglia destava nell’udirlo rispondere ad ogni quesito. Diventato sacerdote nessuno si meravigliò che fosse annoverato fra i Canonici della Basilica di San Lorenzo. Pur conoscendo le lingue: greca, latina, francese, si dette ad approfondire lo studio della nostra lingua per parlare e scrivere nella sua purità schivando ogni barbara locuzione. Ecco era grande il concorso degli uditori attratti dall’eloquenza, dalla dottrina e dalla puritezza d’espressione.


Ad onore della nostra chiesa a lui fu affidato il nostro prezioso Archivio. Destava stupore che una chiesa così antica con una grande storia non avesse un libro per raccontarla. Il Cianfogni si dette a consultare i documenti a vagliare le note. Nessuno meglio di lui ci avrebbe potuto pubblicare la storia. Ecco la storia della fondazione della chiesa con la fondatrice Giuliana. Ecco la venuta di Sant’Ambrogio a consacrarla . Ecco il ragguaglio dello stabilimento dei primi Canonicati, della vita comune vissuta dai primi Canonici, delle oblazioni in danaro in pane e vino nelle celebrazioni dei Divini Misteri, delle indulgenze, dei privilegi della chiesa e dei monasteri che appartenevano alla nostra chiesa. E perché la sua Basilica ancora godesse nei suoi libri dell’eleganza del suo stile, compose alcune vite di Santi che a lei appartengono e degli inni come quello di San Lorenzo e di Sant’Ambrogio.


Purtroppo si ferma al secolo XV con l’erezione della chiesa medicea. La sua attività si era rivolta anche alle sue Teologali incombenze nella Fiorentina Accademica. Ne frequentava le adunanze nelle quali spiccava la sua dottrina con argomenti robusti. Il suo attaccamento pur essendo per quella parte che si chiamava di “Teologia Dommatica”, non trascurava però quella parte che allora si chiamava “Polemica”. Ci furono sedicenti Teologi che con lusinghe e cavillosi argomenti cercarono di portarlo dalla loro parte. Ma troppo egli era dotto e prudente per piegarsi ai loro intendimenti.


Amò una vita regolata, parsimoniosa nel vitto amando di passeggiare per luoghi salubri. Passeggiando per la città incontrava volentieri i mendici soccorrendoli con opportuno sussidio. Entrava anche nelle officine per consigliare i dubbiosi, confortare gli afflitti, incoraggiare i codardi. Passeggiando per le campagne si fermava a parlare coi villici con semplici e familiari discorsi. Possa dunque il Cianfogni godere la stima dei saggi e il ricordo degli uomini illustri. Morì il 22 dicembre 1793.


Alcuni importanti canonici laurenziani
CLICCA QUI PER LEGGERE LA PARTE PRECEDENTE


Il Priore Alessandro Cambi
CLICCA QUI PER LEGGERE LA PARTE SUCCESSIVA


CLICCA QUI PER TORNARE ALL’INDICE

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: