ANNO STENONIANO

ANNO STENONIANO


Il Priore è ancora immensamente grato con il Card. Betori che ha organizzato per lui, compiendo i 100 anni, una messa concelebrata con il Papa Francesco

 


Questo è avvenuto il 7 Aprile 2014.


La guardia svizzera, osservato che i nostri documenti erano in regola, ci ha fatto passare nella Casa di Santa Marta.
Tutti quelli che abitano nella Casa di Santa Marta vanno a cena insieme. Qui abbiamo mangiato insieme al Papa, al Segretario di Stato ed ad altri Ufficiali. Consumata la minestra ci portavamo ad un tavolo per consumare il nostro secondo. Anche il Papa ha fatto altrettanto. Volendo parlare di Niccolò Stenone, il Priore ha portato alcuni libri che narrano la vita di questo Beato, pensando che in Argentina non sia conosciuto come in Europa. Si capisce, occorre da parte del clero danese, tedesco, austriaco e italiano un’azione comune di divulgazione delle opere e del pensiero di Stenone che hanno alimentato la sua forte fede.


Ci siamo portati a Santa Marta la sera perché il Papa celebra molto presto la Messa, alle 7 di mattina. L’indicazione era d’essere in sagrestia alle 6,45. In una seconda fila ho concelebrato la Santa Messa con il Papa che era assistito dal Segretario di Stato.
Dopo la colazione avviene l’omagium al Pontefice, il Priore in una effusione di spirito ha abbracciato e baciato il Pontefice. La foto che si trova qui sul sito della Basilica, è stata pubblicata dall’Osservatore Romano che si compiaceva della presenza di un sacerdote centenario.

Il Priore ha chiesto al Pontefice che il Beato Niccolò Stenone sia fatto Santo come Santo è diventato Papa Giovanni XXIII. In questo caso non è stato necessario un nuovo miracolo perché è bastato quello della beatificazione. Chiediamo che sia seguita la medesima procedura per il Beato Stenone.


Come io dovevo fare, ho scritto anche al Padre Francesco Romano che si occupa delle cause di santificazione nella nostra Diocesi. Forse non ci siamo capiti, il tempo per la beatificazione della Maria Cristina Ogier parte dal nulla e quindi è stato richiesto un procuratore. Questo mi torna per la Cristina Ogier che dal nulla parte per la beatificazione. Non mi sembra uguale per Stenone che è già Beato.


Ci sembrano un segno importante tutti quei bigliettini messi sul sarcofago di Stenone, richiedenti grazie e benedizioni, scritti in tutte le lingue possibili. Non tutti i beati hanno il sarcofago pieno di bigliettini chiedenti grazie e benedizioni. Stiamo raccogliendo questi bigliettini, divisi per lingue, ed abbiamo composto già 7 volumi.


Ricevo oggi una lettera da Amburg dal Der Diozesanadministrator des Erzbistums Hamburg che qui pubblichiamo.
2014.07.29 Mons.Ansgar Amburgo

Abbiamo il sostegno dei Vescovi nordici alla nostra proposta e speriamo che l’anno stenoniano raggiunga questo scopo.

Va interessata la Dott.ssa Prof.ssa Elena Giannarelli che conosce una professoressa norvegese che racconta di un miracolo di Stenone avvenuto su una protestante. Stenone si era convertito al cattolicesimo partendo dal luteranesimo in un completo abbraccio ecumenico che continua nella devozione spirituale.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: