Associazione Insieme per San Lorenzo


Presso la sala Capitolare della Basilica di San Lorenzo si è tenuta una conferenza stampa organizzata dall’Associazione Insieme per San Lorenzo, la Parrocchia della Basilca di San Lorenzo, l’Associazione Culturale Pinocchio di Carlo Lorenzini, l’Istituto Lorenzo Dè Medici, la Fondazione studio Marangoni, l’Associazione Marionda Artisti per Firenze.
E’ stata presentata una petizione che vuol raggiungere il maggior numero di firme per richiamare l’Amministrazione Comunale alle proprie responsabilità e il Sindaco Renzi alle proprie promesse elettorali del 2009.
Vogliamo tutelare il decoro di questa città unica al mondo.

Pasqua 2012 – Inno ebraico della cena pasquale


Ecco l’inno che chiudeva la cena pasquale ebraica.


” Anche se la nostra bocca fosse piena di inni come il mare è pieno d’acqua, la nostra lingua di canti come sono numerose le sue onde, le nostre labbra di lodi come esteso è il firmamento, i nostri occhi luminosi come il sole e la luna, le nostre braccia estese come le ali delle aquile del cielo e i nostri piedi veloci come quelli dei cervi, non potremmo ringraziarti, o Signore Dio nostro, e benedire il tuo nome, o nostro Re, per uno solo delle mille migliaia e miriadi di benefici, di prodigi e di meraviglie che tu hai compiuto per noi e per i nostri padri lungo la storia. Perciò le membra che tu hai distribuito in noi, l’alito e il respiro che hai soffiato in noi, la lingua che tu ci hai posto in bocca ti ringrazino, ti benedicano, ti lodino, ti esaltino e cantino il tuo nome per sempre.”

FEBBRAIO 2011 AVVISI PARROCCHIALI


FEBBRAIO 2011 AVVISI PARROCCHIALI


Il 18 febbraio è l’anniversario della morte di Anna Maria Luisa de’ Medici, Elettrice Palatina. Firenze è grata a questa Donna che col “patto di famiglia” mantenne a Firenze tutte le opere d’arte raccolte dai Suoi Padri.


L’amministrazione comunale verrà in corteo alle 10,30 a rendere omaggio alla tomba dell’Elettrice segno di perpetua riconoscenza per questa Donna che ha amato Firenze facendo in modo che in questa città rimanessero le opere d’arte per il godimento dei cittadini e dei forestieri.


Sappiamo che durante il giorno ci saranno Visite Guidate che passando dalla Cappella dei Principi alla Sacrestia Nuova e da questa in Basilica e alla Sacrestia Vecchia, illustreranno il complesso gratis in onore della Elettrice Palatina.


La sera del 18 febbraio alle ore 18.00 faremo un incontro con bambini, ragazzi e genitori. A seguire cena nei nostri locali autogestita. Stando insieme ci conosciamo sempre di più, ci comunichiamo insieme, desideri, esperienze. Non bisogna vederci soltanto una volta. Questi incontri vanno ripetuti.


Il 20 febbraio ci sarà nella Basilica di San Lorenzo
La Giornata Diocesana del Malato


alle ore 15.00 Santo Rosario commentato
alle ore 16.00 Concelebrazione Eucaristica presieduta da S. E. Mons. Giuseppe Betori Arcivescovo


segue la processione della Madonna lungo la Basilica

ASSOCIAZIONE “BEATO ANGELICO PER IL RINASCIMENTO”


ASSOCIAZIONE
“BEATO ANGELICO PER IL RINASCIMENTO”


CANTI DI NATALE
NELLA
BASILICA DI S. LORENZO
IN ONORE DEL
BEATO ANGELICO
PATRONO UNIVERSALE DEGLI ARTISTI


Domenica 28 novembre ore 16
“Gospel Fire Choir” dir. Patrizia Calussi


Sabato 4 dicembre ore 17
“Gaulitanus Choir” dir. Colin Attard
(da Malta)


si preannunziano dall’11 dicembre al 10 gennaio: quindici concerti
di canati natalizi sul sagrato della Basilica (gradinate di San Lorenzo)


INGRESSO LIBERO

Avvisi parrocchiali Basilica San Lorenzo del mese di Ottobre 2010


AVVISI PARROCCHIALI OTTOBRE 2010


Catechismo degli adulti e Festa di Sant’Orsola


Catechismo degli adulti

E’ incominciato il catechismo degli adulti. Il catechismo più importante. Gli apostoli parlarono agli adulti, annunziarono Gesù salvatore del mondo. Gli adulti evangelizzati andarono a loro volta ad evangelizzare. I genitori furono i primi catechisti dei loro figli.


Il Priore presiede il catechismo il martedì alle ore 18.30.


Il Signore vi dia l’ispirazione di venire.


Festa di Sant’Orsola


Il 21 ottobre è Sant’Orsola, dentro quel complesso ci sarà una festa organizzata dalla Provincia e dall’Associazione Insieme per San Lorenzo alle ore 18.00.

sant'orsola 01 sant'orsola 02


Il Priore per il San Lorenzo del 2008 già annunziava che nell’anno 2009 ricorreva il settimo centenario dell’istituzione di Sant’Orsola. Nel 1309 quattro sorores: Francisca, Ioanna, Cima, Catarina ottennero dal Priore e dal Capitolo di San Lorenzo , di poter iniziare un Monastero, secondo la regola di San Benedetto denominato Sant’Orsola, e così nacque, nel luogo cosiddetto Cafaggio di San Lorenzo, il Monastero.
Le Benedettine vi rimasero fino al 1435 quando passò alle terziarie francescane. Queste vi rimasero fino alla soppressione Napoleonica del 1808. Nel 1810 l’architetto Bartolomeo Silvestri lo trasformò in manifattura tabacchi con l’ordine di sistemarlo in modo che scomparissero tutti i segni religiosi e così scomparvero la chiesa e il cimitero.
Nell’archivio parrocchiale, nel libro dei morti si trova che “Il 15 luglio del 1542 morì Monna Lisa Donna di fu Francesco del Giocondo. Sotterrossi in Sant’Orsola. Tolse tutto il Capitolo.”
Quando nel 1930 fu costruita la nuova manifattura vi arrivarono gli sfollati. Nel 1970 furono sfrattati anche gli sfollati. Dopo vari tentennamenti questo complesso è stato acquistato dalla Provincia. I parrocchiani con fiaccole accese hanno girato intorno all’edificio per tre volte come Giosuè intorno alle mura di Gerico. Le mura di Gerico crollarono.
Ora speriamo che crolli il vecchio edificio e che col 21 ottobre inizi il rinnovamento.

2009.08.22 renzi sant'orsola livi

APERTURA DELLA CASA FAMIGLIA E BATTESIMI


APERTURA CASA FAMIGLIA E BATTESIMI


LA CASA FAMIGLIA SAN LORENZO

DIVENTA UNA REALTA’

11 SETTEMBRE ORE 16:00

casa famiglia


Come sapete raccoglie le donne a cui fu promesso un lavoro e poi furono messe sulla strada. C’è chi si ribella e non vuole fare quella vita. La Casa Famiglia le raccoglie. Ma noi non vogliamo fare soltanto un’accoglienza, una prima accoglienza. Il nostro scopo è un’educazione, far capire la dignità della donna, la sua posizione nella società, insegnare a leggere e scrivere in italiano, insegnare i lavori domestici: cucinare, cucire, ricamare e moltissime altre cose che il momento suggerirà.


Abbiamo fissato l’inaugurazione ufficiale il sabato 11 settembre alle ore 16.00.


Verrà l’Arcivescovo Monsignor Giuseppe Betori a benedire questa Casa in via Faenza al numero 39.

casa famiglia 02


La cosa si rende nota a tutti perché non vuole essere un piccolo orto chiuso, ma un fatto che fermenti tutta la parrocchia e oltre. Si è già riunito un bel gruppo di volontari.
Noi che abbiamo il mercato potremmo avere aiuti tangibili da tutti gli operatori di buona volontà.


Allora l’11 settembre c.m. in via Faenza n. 39 si apre, alle ore 16.00 questa nuova iniziativa parrocchiale.


I BATTESIMI DEL 26 SETTEMBRE


Ancora due decenni fa il Consiglio Pastorale stabilì di celebrare i battesimi non via via quando erano richiesti, ma in giorni stabiliti. Questo per ovviare all’individualismo perché il Sacramento è un atto comunitario. Il battezzato entra in una comunità Cristiana.
Furono stabiliti i giorni: Veglia di Pasqua, momento preferenziale e per il significato e per la storia. Si pensò poi alla ripresa dell’anno Pastorale e fu fissata l’ultima domenica di settembre. Furono fissati anche altri due giorni: l’ultima domenica dell’anno ecclesiastico e la festa del Battesimo di Gesù.


Allora si ricorda che, quest’anno, il 26 settembre è un giorno nel quale avverranno i battesimi.


Buon rientro dalle ferie a tutti !!

Mons. Angiolo Livi
Priore di San Lorenzo


Avvisi Parrocchiali mese di Luglio 2010


AVVISI PARROCCHIALI LUGLIO 2010


Il Priore ricorda con umiltà e gratitudine il 73° anniversario della sua ordinazione sacerdotale.


Il 18 Luglio 1937 l’Arcivescovo Cardinale Elia Dalla Costa, nel Bel San Giovanni dov’ero stato battezzato, poneva le mani sul suo capo per l’ordinazione sacerdotale.
Ricorda quel giorno con umiltà e gratitudine perchè mentre lui lo celebra sulla terra gli altri 26 compagni lo celebrano nel cielo.


Subito il giorno dopo, il 19 Luglio, è un’altro anniversario.
Il 19 Luglio 1980 l’Arcivescovo Cardinale Giovanni Benelli mi portava in San Lorenzo per immettermi in possesso di questa Parrocchia con la consegna simbolica delle chiavi.
Una donna disse: “Ma se è già vecchio, ci starà poco!.”
Ora il 19 Luglio 2010 sono trenta anni.


Ringrazio Dio e tutti quelli che mi hanno aiutato, ma chiedo perdono per le mie insufficienze, per le mie omissioni, per il mio carattere non ridanciano.
Ho avuto un padre molto severo e una voce nel mio interiore che davanti ad ogni cosa allegra, bella, da godersi, mi diceva e mi dice: “Poi intanto si muore…!” Quindi ho sentito sempre la caducità di tutte le cose.


La Casa Famiglia stà per essere sistemata in tutta la sua parte strutturale. Dovrà essere ammobiliata e poi entrare in funzione. Il Popolo di San Lorenzo si spera la faccia sua e sia questa un motivo di fermento per tutta la Parrocchia.


Il 10 Agosto è la Festa di San Lorenzo.


Santa Giuliana, la sponsor della Chiesa, aveva fatto un voto: se le fosse nato un figlio maschio lo avrebbe chiamato Lorenzo e si sarebbe occupata per costruire una Chiesa in onore del martire. Così fu e nel 393 Sant’Ambrogio di Milano venne a consacrare la Chiesa.


Sarei curioso di sapere con quale liturgia, con quali canti, si è celebrata la Festa di San Lorenzo durante i Secoli bui della nostra Storia. Bisogna arrivare al Medioevo per sapere che la Festa non era solo in Chiesa ma che c’erano anche corse di berberi da Porta San Gallo a Porta del Vescovo.


Si sà che al tempo dei Medici era diventata sfarzosa. La Chiesa diventava una sala per mostrare gli arazzi, gli oggetti preziosi di casa Medici, con fiorite, sanlorenzini sulla facciata, giochi etc etc.


Chissà se San Lorenzo sarebbe stato contento. Chissà se anche oggi sarà contento. Secondo alcuni non è festa se non ci sono lasagne e cocomeri. Qualche anno fà i nostri non si trovarono d’accordo e non ci fu questa distribuzione. La gente diceva: “Quest’anno, per San Lorenzo, non c’è stata la Festa”. Eppure in Basilica avevamo svolto tutto il programma.


San Lorenzo viene a noi con la sua fede intrepida, con la sua carità operosa per cambiarci in meglio.